Ecco gli insulti in tutti i dialetti italiani

2910
insulti dialetti italiani

I Pantellas ci insegnano alcuni dei tanti insulti che esistono nei vari dialetti italiani. Di seguito un video e una piccola lista dei più utilizzati nelle diverse regioni.

Gli insulti in tutti i dialetti italiani

Parolaccia: Sugunnemamarua bagassa, babbu ruu curruru e caghineri coddau in culu e in paneri de su figllu de su panettieri!
Dialetto: Sardo
Traduzione: La figa di tua mamma bagassa e tuo padre finocchio inculato dal figlio del panettiere!

Parolaccia: Figghiu di sucaminchia!
Dialetto: Catanese
Traduzione: Sei il figlio di una che spara POMPINI!

Parolaccia: Cu ‘nu poc’ e vasellina l’elefant’ o mettette n’culo ‘a gallina!
Dialetto: Napoletano
Traduzione: Letteralmente e’ “con un po di vasellina l’elefante lo mise in culo alla gallina” nel senso che chi ha pazienza riesce nel suo scopo!

Parolaccia: Sticchiu di to soru!
Dialetto: Catanese
Traduzione: Quella gran bellissima fica di tua sorella!

Parolaccia: Cravadinci in su cunnu!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Inserisciti con forza (tutto intero) nell`apparato genitale femminile!

Parolaccia: Coddaproccusu!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Colui che suole avere rapporti sessuali con i suini!

Parolaccia: Appuntellare!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Spingere il proprio organo sessuale (eretto) a contatto degli altri (specialmente nei luoghi affollati comel`autobus), a mo di puntello!

Parolaccia: Codda prangendi!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Colui/lei che emette suoni simili al pianto mentre ha dei rapporti sessuali!

Parolaccia: Minc`e cuaddu ti currada!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Pene di equino ti perseguiti!

Parolaccia: Minc`e cuaddu ti coddidi!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Pene di equino abbia un rapporto sessuale di natura violenta con te!

Parolaccia: Su cunnu chi t`indi adi azzappuau!
Dialetto: Sardo
Traduzione: La figa che ti ha sbattuto (al mondo)…nel senso di sputato fuori con violenza!

Parolaccia: T`inci fazzu torrai in su cunnu!
Dialetto: Sardo
Traduzione: Faro` in modo che tu possa rientrare nell`apparato riproduttivo di tua madre!

Parolaccia: C’HAI ‘NA SFIGA TARMENTE GRANNE CHE SE TE CASCA’R CAZZO TE RIMBARZA ‘N CULO!
Dialetto: Romano
Traduzione: Sei uno sfigato, una persona decisamente sfortunata!

Parolaccia: A piscitta de tan gelmana!
Dialetto: Algherese, Catalano
Traduzione: La bernarda di tua sorella!

Parolaccia: Pacchiu di to soru!!!
Dialetto: Anglo-Catanese
Traduzione: La FICA DI TUA SORELLA!!!

Parolaccia: Ti meritassi 4 gocci di fenoftaleina ‘ndall’ acqua ca ti facissiru stari ppi 4 iorna assittatu ‘ndo cessu a spunnariti u culu!
Dialetto: Siciliano – con nozioni di chimica
Traduzione: Ti meriteresti 4 gocce di fenoftaleina (composto chimico dalle forti proprieta’ purgative) in un bicchiere d’acqua che ti costringessero a rimanere per 4 giorni seduto sul “trono” a mettere a dura prova il tuo deretano!!!

Parolaccia: At’si quèdar ‘me la testa ‘d ‘n arsan!
Dialetto: Borsano (Fidenza,PR)
Traduzione: Sei quadrato come la testa di un reggiano!

Parolaccia: Figghiu di na gran truscia che denti rutti e u culu spunnato ppi quanti voti sa fici ‘ntappari nda facci e ‘nda carina!!!
Dialetto: Siciliano
Traduzione: Figlio di una instancabile prostituta con i denti danneggiati e il deretano spropositatamente allargato per il gran numero di volte che ha permesso ai propri clienti di sbatterele il loro membro virile in faccio(leggi bocca)e nella schiene(leggi ano)!!!

Parolaccia: Sorti di fra’ i hoglioni!
Dialetto: Fiorentino
Traduzione: Togliti dai coglioni (vai via)!

Parolaccia: Ma va’ a piallo n’culo!
Dialetto: Fiorentino
Traduzione: Vaffanculo!

Parolaccia: E te lo dò io i’ pane a fette!
Dialetto: Fiorentino
Traduzione: Stai attento che ora ti faccio male!

Parolaccia: E te le lèo io le zecche di dòsso!
Dialetto: Fiorentino
Traduzione: Te le levo io le zecche dal tuo corpo (vuol dire: stai attento che se ti prendo ti faccio male)

Parolaccia: Spera ‘Ddiu ca t’ a vveniri ‘nfrùsciu ca a gghittari fora magari l’ugna de pedi e mi ti s’ anu a scuagghiari i pila do culu ppu sfozzu!!!
Dialetto: Siciliano
Traduzione: Voglia la Divina Provvidenza che tu, credendo fallacemente di dover mandar fuori dal tuo sfintere del semplice gas intestinale, possa espellere dal tuo corpo rifiuti intestinali allo stato liquido con pressione e potenza tale da sradicare e trasportare via con sè persino le unghia dei tuoi piedi e, a causa della eccessiva fatica richiesta dall’ atto di cui sopra, possa prenderti fuoco la peluria che cresce sulle tue natiche!!!

Parolaccia: Ma che ti lèi da’ i’ cazzo?!
Dialetto: Fiorentino
Traduzione: Puoi andartene?!

Parolaccia: Bellino sì…tu faresti gattare anche un cignale!
Dialetto: Fiorentino
Traduzione: Sei così brutto che faresti vomitare un cinghiale!

Parolaccia: Che te potessero lancia’ contro 3 colpi… uno che te liscia uno che te pia e uno che stenne tu sorella….
Dialetto: Romano
Traduzione: Che te potessero lancia’ contro 3 colpi… uno che te liscia uno che te pia e uno che stenne tu sorella….

Parolaccia: Li mortacci tua e de tu madre quella sviolinata marchettara!
Dialetto: Romano
Traduzione: Li mortacci tua e de tu madre quella in cui svariati cazzi hanno fatto tanti passaggi come l’archetto su un violino e che per are cio’ c’ha fatto anche le marchette, (dicasi mignotta)!

Parolaccia: ‘r budello ‘mpestato di tù mà!
Dialetto: Pisano
Traduzione: Tua madre è una donna “poco” seria!

Parolaccia: Facia da cul de can da cacia.
Dialetto: Milanese
Traduzione: Faccia da culo di cane da caccia.

Parolaccia: Fat dar in tal cul, brut aldamar, e c’atiena un cancar a tì e tò mama clà vera.
Dialetto: Ferrarese
Traduzione: Fatti inculare letamaio e che ti venga un male a te e a quella puttana di tua mamma.

Parolaccia: Succhia la mai sborra cagnaccia schifosa… baldracca.
Dialetto: Auid sbr e gd sbr………..pota
Traduzione: …c’è già scritto….teste di cazzo rinco piciu!

Parolaccia: M’ par’ na mutand’: staj siemp’ annanz’ o’ cazz’…
Dialetto: Caudino
Traduzione: Mi sembri una mutanda: stai sempre davanti al pene. Dicesi a persona rompiscatole.

Parolaccia: Tarzaniello
Dialetto: Caudino
Traduzione: Dicesi di residuo fecale rimasto appeso ai peli del deretano (il culo). Notasi l’affiancamento di Tarzan appeso alle liane e Tarzaniello appeso a… lasciamo perdere!

Parolaccia: Jettat’!
Dialetto: Caudino
Traduzione: Persona sfaticata e oltremodo accidiosa. Anke persona particolarmente trasandata.

Parolaccia: Lota!
Dialetto: Caudino
Traduzione: Residuo anale.

Parolaccia: Gadan
Dialetto: Piemontese
Traduzione: Persona poco intelligente.

Parolaccia: Piciu
Dialetto: Piemontese
Traduzione: Testa di cazzo (letterale piciu= cazzo).

Parolaccia: Paciociu
Dialetto: Sardo
Traduzione: Figa

Parolaccia: Natta
Dialetto: Pistoiese
Traduzione: Sostantivo : pipi.
Verbo: (fare natta) quando il pipi si incastra nel popo!

Parolaccia: ‘ncul a quantu nnai!
Dialetto: Calabrese
Traduzione: Tutti, parenti e non, vadano palesamente a quel paese (te compreso)!

Parolaccia: Va a dà via ‘l cul!
Dialetto: Cremonese
Traduzione: Vaffanculo!

Parolaccia: Va’ a dar via el cu!
Dialetto: Milanese
Traduzione: Vai a dar via il culo (la u di “cu” si legge come la u francese di “plus”).

Parolaccia: Su cunnu e mamma rua!
Dialetto: Sardo
Traduzione: La figa di tua madre!

Parolaccia: Logia!
Dialetto: Milanese
Traduzione: Puttana, si legge come se sulla ‘o’ ci fosse la humlau, i due puntini sopra le lettere come in tedesco!

Parolaccia: Cap ‘e cazzo!
Dialetto: Napoletano
Traduzione: Testa di cazzo!

Parolaccia: Va a ciapa’ i ratt!
Dialetto: Milanese
Traduzione: La traduzione letteraria è “vai a prendere i topi”… ovviamente è un modo come un altro per mandare a cagare!

Parolaccia: Te se propri un pirla!
Dialetto: Milanese
Traduzione: Sei proprio un cretino!

Parolaccia: Si accussi bella ca si faciss nu pireto m’o zucass!
Dialetto: Napoletano
Traduzione: Eslamazione riferita ad una bella passante: sei cosi’ bella che se facessi una puzzetta me la succhierei (direttamente dall’ano) (ano si dice anche Fetillo) chiudo la parente. ‘o fetill !

Parolaccia: Figle de puttan nato a Downcity, sulla tavoletta del merdoso cesso, sei un essere merdoso, sei quasi come Massimo C.!
Dialetto: R.V. BASTARDIANO
Traduzione: Figlio di puttana nato a Downcity (città vicino a Figlioditransessualecity), sulla tavoletta del cesso, sei un pisano, sei quasi uguale alla peggior persona al mondo!

Parolaccia: Tüpin
Dialetto: Piemontese
Traduzione: E’ il pignattino ad un manico (tedesco Topf, celtico Tupin, provenzale Topin). Si usa anche per definire il pitale atto alla raccolta dell’urina notturna; di qui l’uso corrente per apostrofare un uomo che possa essere considerato alla stregua di un contenitore di piscio.

Parolaccia: Fòl
Dialetto: Piemontese
Traduzione: Stupido, sempliciotto (Dal latino follis, sacco di pelle). Accrescitivo FULATUN (stupidone), o FULATRUN (scimunito).
Sinonimi: Ambutià, babeo, badaluch, badòla, balengo, bataro, fabiòch, gabia, pantalun, tabaleuri, turlupupu, tülipan, gnoc

Parolaccia: Ancutì
Dialetto: Piemontese
Traduzione: Tardo, ottuso, incapace di capire (in lionese acuti)

Parolaccia: Ce fatto a’ uallera a’ pizzaiola
Dialetto: Napoletano
Traduzione: Ci hai così rotto che si sono ammosciate anche le gonadi sessuali (nell’ esempio quelle maschili). Il fatto che le gonadi si siano ammosciate rimanda agli stati febbrili e di malattia. Il riferimento alla “pizzaiola” è da intendersi alla carne (analogia con la “uallera” testicoli) cucinata in padella con il pomodoro. Quindi a qualcosa di cotto. Di analogo senso: “me stai n’coppo o cazzo”, “me scassato o’cazzo”, “me rutto o’cazz”, ecc. Song’o mostro! ..

Parolaccia: Tibi mentula parva est
Dialetto: Latino
Traduzione: Ce l’hai piccolo

Parolaccia: Rusica ossa
Dialetto: Siciliano
Traduzione: Indiferente, freddo/a, insensibile.

Parolaccia: Se te chiappo te pacco lu culu……
Dialetto: Carassai
Traduzione: Se ti prendo ti ammazzo….

Parolaccia: Puppo
Dialetto: Catanese
Traduzione: Travestito & Gay

Parolaccia: La stragrande maiala di tu ma rigenerata in culo a quel pecoro di tu pà!!!!
Dialetto: Dialetto
Traduzione: La stragrande maiala di tu ma rigenerata in culo a quel pecoro di tu pà!!!!

Parolaccia: I megghie stramilamuert de chedda sfogaciol de mam’t puttuen.
Dialetto: NOCI (BARI)
Traduzione: Invocazione dei piu cari parenti defunti di quella brava donna che é tua madre .

Parolaccia: Trappare un filetto.
Dialetto: Bassano Romano (VT)
Traduzione: Ti lo faro una consenguenza la tua famigia ti faccio un trappone filetto li metti fico del culo un cavallone .

Parolaccia: Taccappiu i spius de concas ai spius de cullu, bruttu calloni ca non ses atru.
Dialetto: Sardu de Carbonia
Traduzione: Ti lego i capelli della testa ai peli del culo, brutto coglione che non sei altro.

Parolaccia: Picciuni i ‘ta nanna bagascia
Dialetto: Montalbanese (Sicilia)
Traduzione: Racchio di tua mamma buttana

Parolaccia: Si talmete brutu che stucchi u fitteru!
Dialetto: Carassa (AP)
Traduzione: Dice di persona tanto brutta

Parolaccia: Scortum
Dialetto: Latino
Traduzione: Puttana

Parolaccia: Balengu
Dialetto: Piemontese
Traduzione: Cretino!

Parolaccia: Yarusa
Dialetto: Catanese
Traduzione: Che se la fa mettere nel …. e tira pomp…

Parolaccia: Su cunnu chi ta cuddau a sorri tua baggassa impestara luride e’merda!
Dialetto: Sardaccio, de Carbonia
Traduzione: La figa che ti ha partorito a te e a tua sorella impestata lurida di merda!

Parolaccia: Marmittone!
Dialetto: Linguaggio militare
Traduzione: Scemo!

Parolaccia: Testina!
Dialetto: Romano
Traduzione: è un modo un po’ gentile x dire…:TESTA DI KAZZO!!!!

Parolaccia: Va’ bèn a fèr dal pugnàt!
Dialetto: Bolognese
Traduzione: Vai a farti delle seghe!

Parolaccia: Pizzarroni
Dialetto: Tarantino-savese
Traduzione: Stupido, allocco, cretino.

Parolaccia: Vajassa
Dialetto: Ciociaro
Traduzione: Sgualdrina molto brutta, volgare e grassa che pratica sesso mercenario di bassissiomo livello!

Parolaccia: FEZZ!
Dialetto: Ciociaro
Traduzione: Si riferisce agli uomini che non possono fecondare… “sterile”.

Parolaccia: Maremma maiala lupente rozza sbudellata fatta male in viso e in corpo!
Dialetto: Toscana
Traduzione: Non ha traduzione: l’ho esclamato dopo che lo stronzo dell’autista dalla train ha fatto una frenata facendomi sbattere la testa contro l’obliteratrice

Parolaccia: TEGAME
Dialetto: Toscano
Traduzione: Zoccola , troia etc..

Parolaccia: Fraieddu
Dialetto: Macchioto-Catanese
Traduzione: Non è proprio frocio,semmai uomo poco virile o effeminato

Parolaccia: Cavighiuni
Dialetto: Siciliano
Traduzione: Semplice stuzzicadente al dialetto siciliano (forse macchiotu) .

Parolaccia: Muccuni
Dialetto: Siciliano
Traduzione: Non è una parolaccia ma un semplice fazzoletto al dialetto siciliano.

Parolaccia: Fraieddu
Dialetto: Macchioto – Catanese
Traduzione: Frocio.

Parolaccia: Animale eggebbia
Dialetto: Siculo
Traduzione: Si riferisce ad una persona ignorante e rozza “animale che beve nell’abbeveratoio”.

Parolaccia: Betè
Dialetto: Piemontese
Traduzione: Idiota, stupido, non affidabile.

Parolaccia: Cuglio de puzzica!
Dialetto: Larianese (RM)
Traduzione: Si dice ad una persona antipatica che si da’ le arie, perlopiu’ al femminile. Fa riferimento alla puzzola che cammina con il “culo” per aria … 😉

Parolaccia: Delafia!!
Dialetto: Toscano-viareggino
Traduzione: Traduzione? accidenti, porcamiseria, ma anche per sottolineare che una cosa è proprio così. Ad es.: “Delafia se è ganzo!”

Parolaccia: Buidduni
Dialetto: Siciliano
Traduzione: Dialetto siciliano corrispondente a Tasscio, Burino, Rozzo.

Parolaccia: Marabecca
Dialetto: Siciliano-bambinese
Traduzione: Nome utilizzato per indicare un ipotetico mostro allo scopo di intimorire i bambini e farli allotanare da un possibile pericolo.
Per esempio: “Non ti muovere da li’ o chiamo la marabecca!”

Parolaccia: Pirulo
Dialetto: “Bambinese”
Traduzione: Appellativo utilizzato dai bambini per indicare il membro maschile!

  • mario tomasucci

    Molti non li conoscevo, ma c’è ne sono tantissimi altri più usati