La storia del successo della Inca Kola, la bevanda nazionale dei peruviani

66
inca kola bevanda peruviana

L‘Inca Kola in Perù è ormai considerata bevanda nazionale, un prodotto che si condivide quotidianamente in ogni casa. Tutti a prescindere dalla loro classe sociale la consumano, è una bevanda molto dolce con un sapore difficile da descrivere. Chi la prova per la prima volta, probabilmente non ne apprezzerà nè il sapore nè il colore. Si dice che lo scrittore Jorge Luis Borges abbia descritto l’Inca Kola come una “bevanda inverosimile”.

Una bibita di colore giallo oro

La bibita di colore giallo oro venne lanciata 80 anni fa da una famiglia inglese chiamata Lindley. Il successo di questa bibita è stato riconosciuto anche dalla Wharton School of Management dell’università di Pennsylvania, che in una pubblicazione chiamata Branding Lessons from Inca Kola, the Peruvian Soda That Bested Coca-Cola, dice “Il successo dell’Inka Cola riflette la singolarità dei consumatori peruviani, sono clienti che amano associare ai prodotti che consumano valore culturale e identitario.

Inca Kola vs Coca Cola

Inca Kola, secondo gli esperti è una delle poche bevande che nelle vendite nazionali hanno superato la Coca Cola (altro esempio è Irn-Bru in Scozia). Nel 1999, Coca Cola comprò alla LINDLEY il 38.5% delle azioni avviando così un’alleanza strategica. Successivamente incrementò le azioni del 10%. Alfredo Quiñones, manager di Coca Cola segnala che l’Inka Cola possiede il 30% del mercato, a fronte del 20% di Coca Cola.Circa il 90% delle vendite dell’Inca Kola avviene in piccoli negozi.

Kola Real

Tuttavia fuori di Lima, ad Armatambo la bevanda più consumata è la Kola Real, una bibita gasata prodotta da AJE. “Kola Real non è solo più economica della Coca Cola, ma anche più buona”, afferma Uri, piccolo commerciante locale. Nel negozio di Uri, una bottiglia da 3 litri di Kola Real costa US$ 1.75; mentre quella della Coca Cola ne costa US$ 3.

Grazie ad un strategia che offre prezzi economici e si focalizza sui mercati emergenti la compagnia AJE si è affermata come una delle più importanti imprese di successo peruviane. AJE si posizionò come quinta impresa di bevande in America Latina, e si aggiudicò la 21° posizione tra i produttori mondiali con un fatturato di circa US$ 2,000 milioni. Le vendite di AJE sono cresciute di anno in anno dal 2000 del 22%.

Per Carlos Añaños, uno dei fondatori dell’impresa il segreto del successo di AJE è la democratizzazione del consumo, ossia offrire prodotti con un ottimo rapporto qualità-prezzo.