Queste 9 reliquie di Gesù sono autentiche?

reliquie di gesu

Nell’intento di dimostrare l’esistenza del Salvatore della fede cristiana molti fanatici hanno creato delle reliquie false. In passato alcune vennero considerate autentiche, però successivamente si scoprì che non erano originali. Altre vennero descritte nei libri, però nessuno le ha mai viste. Esisteranno realmente? Vediamone alcune

La tunica santa di Gesù

Nella cattedrale di Trier, in Germania, è custodita la tunica che secondo molti venne usata da Gesù prima di essere crocifisso. Le guardie scommisero a sorte per decidere chi se l’avrebbe aggiudicata (non la volevano rompere). Alcuni scritti storici dicono che nel IV secolo Helena, madre di Costantino inviò la tunica nella cattedrale di Trier.

La lancia sacra

Quando Gesú era sulla croce, i soldati decisero di rompergli le gambe senza però essersi accorti che era già morto. Per provarlo uno dei soldati pugnalò il costato di Gesù con la lancia; dalla ferita provocata uscì sangue e acqua. La lancia è considerata un oggetto sacro anche se non si hanno notizie certe e attendibili al riguardo.

La corona di spine

La corona di spine di Gesù sarebbe custodita nella cattedrale di Parigi. Nel corso degli anni le spine vennero divise. Per oltre 16 secoli i credenti si sono recati a Parigi per onorare queste reliquie, nonostante la scienza non ne abbia mai stabilito l’autenticità.

La croce

La croce nella quale Gesù venne crocifisso è stata divisa in tanti pezzi e oggi viene custodita in diverse parti del mondo. Gli scienziati non ne hanno mai potuto verificare l’autenticità. Le parti più importanti della croce si trovano a Roma.

La sindone di Torino

L’unica certezza è che nella sindone ci sia la sagoma di un viso e un corpo. Si dice che questa fù quella in cui Gesù venne avvolto quando morì. Alcuni studi hanno comunque affermato che, la sindone considerata da molti originale, è da datare almeno un secolo dopo la morte di Gesù pertanto si tratterebbe di una reliquia falsa.

Il velo di Veronica

Veronica era una donna che durante la crocifissione diede un panno a Gesù per asciugarsi il viso. Secondo molti l’immagine di Cristo sarebbe rimasta in questa tela. Si pensa che questa tela sia oggi custodita nella basilica di San Pietro a Roma.

La scala santa

La scala santa è quella dove Gesù attese il suo giudizio. Ora è a Roma vicino ad una chiesa costruita su della terra che venne portata dal monte Calvario.

Il Santo Graal

E’ il bicchiere dal quale Gesù ha bevuto durante l’ultima cena. Esistono vari esemplari candidati a essere considerati autentici, tuttavia ancora non si è stabilito quale sia l’originale.

I chiodi della crocifissione

Esistono divergenze d’opinione rispetto al numero di chiodi che si utilizzarono per la crocifissione, alcuni affermano 3 altri 4. La storia più popolare, racconta che la madre di Costantino ne regalò alcuni a suo figlio. Un altra storia racconta che una corona custodita nella cattedrale di Milano ne contiene alcuni.