Stresa: cuore del Lago Maggiore

Spesso ci dimentichiamo di quanto abbiamo di bello, storico e affascinante a portata di mano. Fortunatamente di tanto in tanto, ci pensano gli altri, magari arrivando anche da lontano, a ricordarci in quale grande bellezza viviamo e nel patrimonio storico-culturale in cui siamo immersi.

Stresa: cuore del Lago Maggiore

Uno di questi esempi più eclatanti è Stresa con il suo territorio, elegante, raffinata, scrigno di un fasto d’altri tempi, è stata ed è lo scenario incantevole per le famiglie aristocratiche del mondo e non solo.

Offre un panorama naturale unico, tra montagne, il golfo Borromeo e le sue isole, a renderlo ancora più affascinante, le maestose ville tra lungolago e collina che abbracciano gli stili dal barocco al neoclassico e il liberty, con immensi giardini ancora curatissimi.

Un territorio che regala un’esplosione di colori in primavera, con le fioriture delle tipiche azalee, dei rododendri, delle camelie e dei glicini, con diverse mostre a tema.

Radici Millenarie

Strettamente legata al turismo dall’800 in poi, è anche un borgo che ha radici millenarie, come testimoniano i ritrovamenti risalenti ai Celti, nelle frazioni di Brisino e Levo, cresciuto poi attorno a Villa Bolongaro (attuale Villa Ducale), felice intuizione dell’imprenditore e benefattore Giacomo Filippo Bolongaro nel 1770, diventata poi cenacolo di cultura lombarda e mitteleuropea con la nipote, la baronessa Anna Maria Simonetta per tutti “Madame Bolongaro”.

Villa diventata poi il “buon ritiro”, della inizialmente ripudiata da casa Savoia, Elisabetta di Sassonia duchessa di Genova, che da quel momento prese il nome di “Villa Ducale”, che fece crescere i figli proprio sul Lago Maggiore, tra cui la futura Regina Margherita, rimasta indissolubilmente legata a Stresa per i dolci, le margheritine, prodotte ancora oggi.

Una città esplosa nel periodo della Belle Epoque, grazie anche all’intuizione di due famiglie che per prime capirono le possibilità dell’imprenditoria turistica, gli Omarini e gli Zacchera.

Orient Express

Un centro nella cui stazione per anni ha fatto tappa l’Orient Express, dove dagli anni 20′ arrivavano e partivano gli idrovolanti. Dove la cinematografia è stata di casa sin dai primi metri girati con i Fratelli Lumiere, e che ha fatto da sfondo a decine e decine di pellicole, di cui alcune hanno fatto la storia.

I Borromeo ne hanno fatto la loro “capitale” dal 1500, Napoleone ne fu ammaliato, meta prediletta dell’austera regina britannica Vittoria e di altri membri degli Windsor, della famiglia Savoia, dei regnanti di Sassonia, soggiornarono Anna d’Assia e di Prussia, Alessandria duchessa di Russia, Sofia di Grecia, i reali del Belgio, quelli di Norvegia, l’imperatore del Giappone, per arrivare a re Hussein di Giordania a re Faruk d’Egitto, passando per i potenti economici come i Vanderbilt, Morgan, Carnegie, Rockfeller, Rothschild e l’Aga Khan.

Meta d’importanti letterati

Diventando meta d’importanti letterati e artisti da tutto il mondo, attirando personaggi come Stendhal, Flaubert, Charles Dickens, George Bernard Shaw, Giovanni Verga, Edmondo de Amicis, Steinbeck, Dostoesvskij, Archibald Cronin, Thomas Mann, Lord Byron ed Ernest Hemingway, che ambientò proprio a Stresa alcuni capitoli del suo famoso romanzo “Addio alle Armi”. D’Annunzio e la Duse, Sacha Guitry, Clark Gable, David Niven, Renato Guttuso, Charlie Chaplin, solo per citarne alcuni…

Oggi Stresa, uno dei più belli e suggestivi paesi del Lago Maggiore, è tornata come d’incanto alla ribalta delle cronache nazionali e internazionali.

Vogue, il giornale glamour per eccellenza, mette lo sky bar dell’Hotel La Palma come una delle 15 terrazze bar più belle del mondo.

Lago Maggiore

Durante il periodo di permanenza negli hotel locali agli ospiti vengono offerte gite alla scoperta delle bellezze del Lago Maggiore e non solo.

Panorama, passeggiate nella natura in luoghi unici, il borgo vecchio con le sue stradine medievali, un lungolago spettacolare che regala una scenografia incredibile di sera, due golf club, possibilità di shopping di alto livello, cucina del territorio, ricettività certificata cui negli ultimi anni si sono aggiunte le beauty farm all’interno dei grandi alberghi, che stanno rivedendo in stile più attuale le loro offerte.

Accanto a tutto questo anche i numerosi eventi culturali internazionali ospitati, come ad esempio il Festival delle Settimane Musicali, che si svolge durante l’estate, il Concorso Nazionale di Canto Corale, il Midsummer Jazz Concerts, il Premio Stresa di Narrativa e il Premio Giallostresa in collaborazione con il Giallo Mondadori.

Tutto questo ha riportato Stresa a essere una metà cool e ricercata.