Amante della natura? Visita questi 5 parchi nazionali del Perù

Scopri tutto ciò che offrono questi paradisi naturali.

parchi nazionali del Peru

Immagina una piacevole camminata in mezzo di ecosistemi unici, scoprire innumerevoli specie di animali e piante e osservare paesaggi da sogno. Se sei un amante dell’ecoturismo, il Perù, con i suoi parchi nazionali, ti offre l’opportunità di vivere queste e molte altre esperienze. Questo perché, grazie alla sua gran biodiversità, questo paese è una destinazione perfetta per realizzare ogni tipo di avventure e attività a contatto con la natura.

Il Perù ospita 14 Parchi distribuiti per tutto il territorio. Questi hanno come scopo quello di preservare le diverse specie di flora e fauna, far conoscere la storia delle antiche civiltà che si svilupparono nel paese e offrire luoghi privilegiati ai visitatori; sempre con rispetto e coscienza ambientale.

Di seguito, ti presentiamo 5 di questi paradisi naturali da visitare durante il tuo prossimo viaggio.

1. Parco Nazionale Cordigliera Blu (Parque Nacional Cordillera Azul)

Situato tra i fiumi Huallaga e Ucayali, nella confluenza delle regioni San Martín, Loreto, Ucayali e Huánuco, questo luogo impressiona per il suo gran ecosistema esteso come un manto verde tra le Ande e l’Amazzonia (Amazonía).

È considerata come una delle zone naturali di maggiore ricchezza biologica del mondo ed è l’habitat di molteplici specie di flora, come liane, orchidee, bromeliacee e felci; e fauna, come giaguari, puma, orsi andini, cervi rossi e nutrie di fiume.

Nel Parco vivono, inoltre, etnie native come i Cacataibo – Camano, gli Shipibo e i Mushuck Llacta, che mantengono ancora oggi le loro abitudini e tradizioni. Nonostante il turismo sia regolato, esistono luoghi chiamati zone di smorzamento (zonas de amortiguamiento) che offrono attrazioni bellissime da visitare, come la ‘Laguna del mondo perso’ (‘Laguna del mundo perdido’), i colli Manashahuemana, la collpa de guacamayos e le montagne Cinque Punti (Cinco Puntos).

Il periodo migliore per visitare la Cordigliera Blu è durante la stagione secca, tra maggio e novembre. Generalmente, il clima è caldo e umido, anche se nelle zone di maggior altitudine è abituale che si registrino forti piogge.

2. Parco Nazionale del Manu (Parque Nacional del Manu) 

Riconosciuta come l’aria protetta di maggior diversità biologica al mondo dalla Unesco, il Manu è l’habitat di un’innumerevole quantità di specie di uccelli e mammiferi, questo grazie alla sua speciale ubicazione, che abbraccia praticamente tutti i piani altitudinali. È situato nel cuore dell’Amazzonia (Amazonía) peruviana, tra i dipartimenti di Cusco e Madre de Dios, ed è uno dei parchi nazionali più visitati del paese.

In questo luogo meraviglioso possiamo incontrare anche comunità indigene e gruppi etnici che, per la maggior parte, si mantengono volontariamente isolati e sono a diversi livelli di contatto con il mondo esterno. Tra le specie di fauna che troviamo risaltano la tigre nera, il mazama grigio, il galletto di roccia andino, tra le molte altre.

Per arrivarci da Lima, bisogna prima viaggiare fino a Cusco e andare a Paucartambo. Da lì, si potrà arrivare alla zona di smorzamento (zona de amortiguamiento), dove si potrà fare trekking e bagnarsi nel fiume.

3. Parco Nazionale del Huascarán (Parque Nacional Huascarán)

Situato nella regione di Ancash, si distingue per i suoi impressionanti paesaggi innevati ed è uno degli scenari naturali più belli del Perù. Per coloro a cui piacciono l’avventura e gli sport estremi, questo luogo è idoneo per la pratica del trekking, climbing, sci e mountain bike; per chi, invece, preferisce godersi le bellissime viste e sperimentare il turismo esperenziale, puoi visitare la laguna Chinancocha e il nevaio Pastoruri o condividere esperienze con le comunità che vivono nella zona.

E se non bastasse, il parco ospita anche importanti attrazioni archeologiche, come i templi preinca di Chavín e Recuay. Per arrivare fin qui, devi viaggiare da Lima alla città di Huaraz – sono 8 ore circa in bus.

4. Parco Nazionale Yanachaga – Chemillén (Parque Nacional Yanachaga – Chemillén) 

Questo Parco presenta in un’estensione relativamente piccola una gran varietà geografica, poiché va dalle montagne andine fino all’inizio delle piane amazzoniche, anche chiamate selva baja. Per questo è una delle aree naturali protette che alberga la maggior varietà di ecosistemi nel paese e in tutto il pianeta.

Ubicato nella provincia di Oxapampa, nella regione di Pasco, questo luogo registra circa 500 specie di uccelli e un centinaio di mammiferi, tra i quali il puma, il giaguaro, il tapiro, il pudu settentrionale (alto soli 40 centimetri) e il formichiere. Anche la flora è abbondante, con oltre 2000 specie, tra le quali varietà di orchidee, felci e piante medicinali come l’unghia di gatto. 

Il Parco Nazionale Yanachaga – Chemillén (Parco Nazionale Yanachaga – Chemillén) ha aree abilitate per il campeggio. La miglior stagione per visitarlo è tra luglio e agosto, quando si festeggiano gli anniversari di Oxapampa e Pozuzo. Per arrivare, bisogna prima viaggiare fino a Oxapampa – il viaggio da Lima dura 11 ore circa-. Una volta arrivati, si possono prendere dei bus in direzione alle diverse zone del parco.

5. Parco Nazionale Colli di Amotape (Parque Nacional Cerros de Amotape)

Questo parco nazionale è parte di un corridoio ecologico di grande importanza, formato dalla zona riservata di Tumbes e la riserva di caccia El Angolo, al confine delle regioni Tumbes e Piura. Insieme, queste tre aree proteggono ecosistemi di bosco tropicale e secco, la cui ricchezza biologica è stata riconosciuta dalla Unesco. Qui, potrai contemplare gli impressionanti paesaggi del fiume Tumbes, dove inoltre è possibile nuotare nelle sue acque cristalline e godere delle sue piccole cascate.

Per arrivare in questo splendido posto, si deve partire da Tumbes e prendere la via Zorritos – Bocapán. Si raccomanda di viaggiare tra aprile e ottobre, ovvero, durante la stagione secca. Da Tumbes si può andare anche alla zona riservata, attraverso le località di Matapalo e Cotrina. La riserva di caccia El Angolo possiede aree abilitate al campeggio. Per arrivarci, si raccomanda di uscire da Sullana. È raccomandabile visitarlo in stagione secca, poiché l’accesso si complica molto durante la stagione delle piogge.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.