Perù: Presentazione del libro “Una Donna… una Storia… sopravvivere al Cancro”

Lo scorso 6 marzo è stato presentato nella sede del Colegio Italiano Antonio Raimondi il libro della scrittrice Beatrice Di Roberto, “Una Donna… una Storia… sopravvivere al Cancro”, che racconta in forma colloquiale e diretta quale fu il suo stato d’animo dopo aver saputo di essere malata di cancro al seno.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Educazionale Antonio Raimondi e dalla Società Italiana de Beneficenza e Assistenza.

Durante il suo intervento, l’autrice del libro che arrivò a Lima a metà degli anni 80 con il marito Federico, allora ambasciatore d’Italia in Perù, ha sottolineato l’importanza di aver avuto sempre al suo fianco il marito, anche nei momenti più difficili della malattia, e di come questa possa far sì che le persone che patiscono questa malattia si fortifichino, e possano attraversare una sorta di rinascita personale e spirituale, esattamente come è successo a lei.

Il famoso attore e direttore teatrale Osvaldo Cattone, ha toccato con mano la forza di Beatrice nella sua battaglia contro il cancro, leggendo alcuni passaggi del libro che hanno potuto mostrare ai presenti il temperamento che ha dimostrato nei momenti cruciali della malattia e come la stessa non arrivò mai ad abbattere il suo stato d’animo, anzi le permise di trovare ragioni valide per lottare e guardare al futuro con molto ottimismo.

La conduttrice televisiva Maria Teresa Braschi, ha spiegato che al principio quando le diedero il libro pensò di trovarsi davanti ad un testo medico dedicato alla malattia, per poi rendersi conto che si trattava invece di una lezione di vita, una guida di cose che normalmente non si avvalorano per diversi motivi, come per esempio il tempo che si passa con le persone amate, al punto di chiedersi quali siano effettivamente le priorità che ognuno ha nella vita.

Il rappresentante del CGIE, l’architetto Giacomo Canepa, ha spiegato che da quanto ha avuto il libro tra le mani non ha mai smesso di leggerlo, perchè anche lui ha avuto un’esperienza simile al cancro e l’opera di Beatrice, che ha come dedica dell’autrice un “benvenuto nel club””, lo ha aiutato molto nel recupero poichè “es como un rio de interminables cosas hermosas”.

All’evento hanno preso parte rappresentati e autorità della comunità italo-peruviana che nutrono un profondo rispetto e affetto per i coniugi Di Roberto, la cui presenza in Perù, a metà degli anni 80, ha lasciato molti buoni ricordi nei cuori della nostra collettività. (IMIP)

Generated by Facebook Photo Fetcher 2